Richiesta

* = Campi obbligatori

CALDARO AL LAGO

Caldaro: per chi viene dal Nord forse l'inizio del Sud, per chi invece viene dal Sud una terra dal carattere alpino. Per quanto possa sembrare strano basta osservare il paesaggio per capire tutto. I vigneti formano dolci onde sui pendii di mezza montagna fino a sfumare in delicati boschi misti che in ogni stagione dell'anno brillano di nuovi colori. E al centro di tutto, in un paesaggio culturale amorevolmente curato, sono disseminate case e chiesette che vanno a formare le varie frazioni del paese vitivinicolo di Caldaro.

Un luogo di incontro

Là dove le case circondano una splendida chiesa, si trova la piazza Mercato, il centro del paese da cui partono numerose strade e vicoli in ogni direzione che ospitano numerosi negozi e botteghe. Rivolgere lo sguardo al campanile di Caldaro mentre si mangia un gelato, si gusta un aperitivo, si passa in bici o si sta seduti al sole in piazza. La noia qui è una perfetta sconosciuta, perché proprio nella piazza Mercato hanno luogo la maggior parte delle manifestazioni. Concerti in piazza, mercati contadini, qualche festa in estate, serate dei “giovedì lunghi” e in inverno il mercatino di Natale, in cui il vino, in via del tutto eccezionale, si presenta in versione calda fumante come speziato vin brulé.

Vino, in tutto e per tutto

Caldaro è il paese del vino, sì. Ne sono una testimonianza non solo i molti calici alzati al cielo durante le degustazioni organizzate sia in piazza Mercato sia nella casa del vino „Punkt“, per vedere in controluce il contenuto bianco, rosa o rosso e poterne così giudicare il colore. I poderi si trovano dappertutto, il lavoro dei contadini si protrae per tutto l'anno e le cantine presentano orgogliose le loro migliori annate. Non solo l'architettura del paese, bensì anche il carattere degli abitanti lo dimostra: Caldaro è un paese vinicolo, qui si sa come godersi la vita.

Come vivere Caldaro nel migliore dei modi?

Anche l'Hotel Römerrast ha deciso di darsi al piacere. Monika e Karl sanno che il vino non va necessariamente solo bevuto, ma può essere scoperto e vissuto in un viaggio di esplorazione, nel vero senso della parola. Il loro consiglio agli ospiti? Mettersi in moto con scarponi da montagna o sulla bicicletta e intraprendere un viaggio di piacere lungo la Strada del Vino, ammirandone i suoi più bei paesini e paesaggi ed includendo il gusto dei piatti locali e qualche tuffo nei laghi dell'Oltradige.

lg md sm xs